Ricorsi Attivi

Lo studio legale, dopo i successi ottenuti in Tribunale e dopo aver riportato a casa numerosi docenti con sentenze confermate anche in grado di Appello, ha aperto le adesioni ai ricorsi avverso le procedure di mobilità 2021.

Con l’ordinanza mobilità 2021 i docenti immobilizzati non hanno la possibilità di far rientro a casa!

Per altri sussiste un vincolo quinquennale.
I beneficiari della legge 104/92 non vedono tutelate le ragioni dal Ministero dell’istruzione che continua a non considerare tale titolo con assoluta precedenza.
Il servizio svolto presso la scuola paritaria non viene conteggiato per intero ai fini del punteggio.
Ma soprattutto il nostro studio a seguito di una recente sentenza intervenuta presso il Tribunale di Frosinone, ritiene illegittime le disposizioni ministeriali nella parte in cui non garantiscano la precedenza dei trasferimenti rispetto alle immissioni ruolo: ciò costituisce senza dubbio alcuno un parametro per ottenere il trasferimento anche per tutti i docenti cd. immobilizzati

Mancata valutazione della precedenza per assistenza a familiare beneficiario di l. 104/92.
Anche nell’ultima ordinanza sui trasferimenti interprovinciali, il Miur continua a negare, il diritto di beneficiare delle precedenze previste dalla legge 104/92 pre l’assistenza al genitore ex art. 3, comma 3, della Legge 104/1992.

Mancata valutazione scuole paritarie.
Lo stesso Ministero discrimina ancora i docenti che hanno prestato servizio presso le scuole paritarie: il Tar e il Consiglio di Stato continuano ad annullare tutti i provvedimenti che negano il diritto dei docenti alla valutazione del servizio pre-ruolo prestato presso le scuole paritarie.

Mancata valutazione del diritto di cui all’art. 42 bis d.Lgs 165/2001 – Assegnazione temporanea per figli inferiore a 3 anni.
Ulteriore illegittimità è il mancato riconoscimento del diritto all’assegnazione temporanea per i genitori con figli minori di tre anni.
Lo studio legale ha ottenuto vittorie in numerosi tribunali che hanno statuito l’illegittimità del comportamento del Ministero ed è disponibile a di offire consulenza ed assistenza mirata a specifica a tutti i docenti.

Vincolo quinquennale per il trasferimento.
Illegittimo il vincolo quinquennale per ottenere il trasferimento nella parte in cui non viene valutato il servizio pre-ruolo.
La questione è stata già risolta, anche ai fini della ricostruzione della carriera, da numero sentenze di Cassazione che hanno stabilito la totale parificazione del servizio di ruolo con il servizio pre-ruolo e, dunque, il vincolo sul sostegno è illegittimo anche per tale motivo.

Illegittimità del vincolo quinquennale. Impossibilità per i docenti assunti da Grame (graduatorie regionali di merito del concorso fit) nell’a.s. 2019/2020.
Gli insegnanti immessi in ruolo dalle Graduatorie Fit non possono partecipare alla mobilità a causa del vincolo quinquennale.
L’illegittimità è palese laddove è lo stesso Ministero dell’Istruzione che consente ai docenti assunti dalle medesime graduatorie l’anno precedente (2018/2019) che, invece, possono proporre domanda di trasferimento.

Precedenza dei trasferimenti rispetto alle immissioni in ruolo.
Lo storico successo ottenuto dal nostro studio in Tribunale ha spalancato le porte a tutti i docenti immobilizzati che, anche a causa della legge 107/2015, sono stati trasferiti presso province lontane. I docenti esiliati possono finalmente ottenere giustizia ottenendo il trasferimento su tutti i posti assegnati ai neo immessi in ruolo.

Perché fare Ricorso? Motivi del Ricorso

Lo studio legale proporrà un ricorso collettivo innanzi al Giudice amministrativo.
Il trasferimento del docente presso i distretti o istituti scolastici scelti nella domanda di mobilità.

Che tipo di Ricorso verrà attivato?

Lo studio legale proporrà un ricorso singolo innanzi al Tribunale del lavoro competente per territorio.

Chi può aderire al Ricorso? A chi è rivolto?

Il ricorso è rivolto a docenti :

  • referenti unici di parenti beneficiari l. 104/92;
  • docenti che hanno svolto servizio presso la scuola paritaria;
  • docenti assunti da Graduatorie Fit nell’a.s. 2019/2020;
  • docenti che non possono effettuare il passaggio di ruolo a causa del vincolo sul sostegno;
  • docenti che non possono proporre domanda di mobilità a causa del vincolo quinquennale;
  • docenti con figli inferiori ad anni 3 che beneficiano della possibilità di chiedere l’assegnazione temporanea;
  • docenti immobilizzati a causa della l. 107/2015;
  • docenti esiliati che ambiscono ad ottenere il trasferimento sui posti assegnati a docenti neo immessi in ruolo.

TERMINI DI ADESIONE:

Le adesioni sono aperte

QUANTO COSTA ADERIRE AL RICORSO?

Il costo per aderire è pari ad euro 500,00 oltre al contributo unificato (tale ultima somma va corrisposta soltanto in caso di reddito familiare superiore ad euro 34.000).
Soltanto in caso di esito positivo del giudizio sarà dovuta allo studio legale l’ulteriore somma di euro 1.000,00.
Mentre nel caso in cui il ricorso non risultasse vincente, nessuna cifra ulteriore sarà dovuta allo studio.


DOCUMENTI RICHIESTI PER ADERIRE AL RICORSO

Apri - STEP 1:
Scarica il seguente documento, stampa, compila e firma in ogni parte tutti i documenti presenti (Tipologia di ricorso, Informativa e consenso privacy, Scheda cliente; Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati).
Stampare e firmare in doppia copia e inserire nel plico da inviare a mezzo posta raccomandata A/R all’indirizzo B&Z Società tra Avvocati s.r.l., Via Siracusa, 5 – Isola del Liri – 03036 (FR).

Inserire nel plico la copia del bonifico effettuato.

N.B. Il mancato invio di tutta la documentazione in formato cartaceo determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.?
Non è possibile l’invio della documentazione a mezzo Pec in quanto lo studio ha bisogno dei documenti firmati in originale: le Pec ricevute verranno automaticamente cestinate.

Apri - STEP 2:
​Il bonifico va effettuato alle coordinate Iban IT29P0760114800001042155349 Intestatario: B&Z Società tra avvocati s.r.l. – Conto BancoPosta n.: 001042155349 Causale: Codice fiscale + Ricorso Mobilità 2021 + nome e cognome del ricorrente.
Apri - STEP 3:
Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

Il ricorrente dichiara di essere consapevole che l’adesione al ricorso non comporterà il rilascio di copia del ricorso che sarà, invece, consultabile presso una delle nostre Sedi.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

Il ricorrente dichiara di essere consapevole che l’adesione al ricorso non comporterà il rilascio di copia del ricorso che sarà, invece, consultabile presso una delle nostre Sedi.

INVIARE I DOCUMENTI IN FORMA CARTACEA A MEZZO RACCOMANDATA A/R all’indirizzo: all’indirizzo: Avvocato Paolo Zinzi, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR).
ATTENZIONE: STANTE L’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA E FINO ALLA DURATA DELLA STESSA, SARA’ POSSIBILE INVIARE TUTTI I DOCUMENTI SOLTANTO A MEZZO MAIL AVENDO CURA DI SCANSIONARLI IN FORMATO PDF.
LA MAIL è: ricorsiscuola.info@gmail.com
NON APPENA TERMINATA L’EMERGENZA IL PLICO DOVRA’ ESSERE SPEDITO A MEZZO POSTA ORDINARIA.

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola verranno pubblicati aggiornamenti e novità in merito al ricorso.


Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com inserendo come oggetto “Ricorso Mobilità 2021” oppure contattare il numero 07761828062.

Per assistenza tecnica o informazioni generali contattare via messaggio e/o telefonata Whatsapp il numero 350.5232808

​Avv. Antonio Rosario Bongarzone
Avv. Paolo Zinzi