Ricorsi Attivi

Sei un docente o Ata immesso in ruolo dopo il 2011 e hai almeno un anno di precariato prima dell’a.s. 2011? La Cassazione ha stabilito il diritto ad essere collocato nel gradone 3-8 e ottenere il risarcimento di tutte le somme illegittimamente decurtate.

La Corte di Cassazione ha stabilito, in maniera definitiva, il diritto di tutti i docenti ed il personale Ata, assunto dopo il 2011 che abbia svolto almeno un anno di precariato nella scuola statale prima del 2011, ad ottenere la fascia stipendiale 0-2.
In altri termini, tutti coloro assunti successivamente al 2011, anche con il piano straordinario di assunzioni previsto dalla cd. Buona Scuola (l. 107/2015) hanno il diritto di recuperare tutti gli incrementi stipendiali derivanti dalla mancata applicazione dello scatto stipendiale al terzo anno.

Il provvedimento della Cassazione, dunque, riconosce al personale docente e Ata un diritto a recuperare somme elevate.

Tutti i docenti ed il personale Ata della scuola, assunti dopo il 2011, dunque, potranno agire dinanzi al Giudice del Lavoro al fine di ottenere il pagamento delle differenze retributive derivante dalla mancata fruizione degli scatti stipendiali e non corrisposti. e prevista anche dal CCNL e i compensi accessori.

All’azione può partecipare tutto il personale docente e A.T.A. assunto dopo il 2011 che abbia almeno 180 giorni di servizio quale precario nella scuola statale antecedentemente al 2011.

PERCHE’ FARE RICORSO? MOTIVI DEL RICORSO

Il ricorso ha come obiettivo:
a) L’accertamento del diritto a percepire le differenze economiche derivante dalla mancata attribuzione dello scatto stipendiale 0-2 in favore di tutti i docenti, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e assistenti tecnici assunti dopo il 2011..

CHE TIPO DI RICORSO VERRA’ ATTIVATO?

Lo studio legale proporrà un ricorso innanzi al Tribunale del Lavoro.

Chi può partecipare al ricorso?

  • Il personale Docente
  • Ata (collaboratori scolastici, Assistenti tecnici, Assistenti Amministrativi)
  • Assunti in ruolo con contratto a tempo indeterminato dopo il 2011
  • Che abbiano svolto, prima del 2011, almeno un anno di precariato (180 gg).

Cosa fare per aderire al ricorso?

Per aderire al ricorso è necessario compilare il modulo scaricabile al seguente link (Scarica il seguente documento)


TERMINI DI ADESIONE:

Le adesioni sono aperte.

QUANTO COSTA ADERIRE AL RICORSO?

Il costo del ricorso è pari ad euro 100,00 oltre a quanto previsto nel contratto per la determinazione del compenso professionale in allegato.

Possono aderire al ricorso a prezzi agevolati coloro che hanno già attivato con lo studio legale Bongarzone-Zinzi altri ricorsi, coloro che sono iscritti all’Associazione Consulenza Scuola ed all’Associazione MSA Service nonché alla Cisl Scuola.

Ricordiamo che ai ricorsi possono partecipare gratuitamente tutti coloro che hanno un reddito inferiore ad euro 11493,82 (Leggi di più sul Patrocinio a spese dello Stato)


DOCUMENTI RICHIESTI PER ADERIRE AL RICORSO

Apri - STEP 1:
Scarica il seguente documento, stampa, compila e firma in ogni parte tutti i documenti presenti (Tipologia di ricorso, Informativa e consenso privacy, Scheda cliente; Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati).

Stampare e firmare in doppia copia e inserire nel plico da inviare a mezzo posta raccomandata A/R all’indirizzo B&Z Società tra avvocati s.r.l., Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR).

Apri - STEP 2:
​Inserisci, nel plico, anche i seguenti documenti:

  1. Documento riguardante la tipologia di ricorso (all. 1)
  2. Autorizzazione trattamento dati personali e newsletter (all. 2);
  3. Scheda cliente (all. 3);
  4. Procura alle liti (all. 4)
  5. Copia documento di identità e del Codice Fiscale;
  6. Certificato di servizio che attesta lo svolgimento del servizio di precariato prima del 2011;
  7. Contratto a tempo indeterminato;
  8. Copia decreto di ricostruzione della carriera;
  9. Copia delle buste paga a far data dall’immissione in ruolo ad oggi (opzionale).
Apri - STEP 3:
Il bonifico va effettuato alle coordinate Iban IT29P0760114800001042155349 Intestatario: B&Z Società tra avvocati s.r.l. – Conto BancoPosta n.: 001042155349 Causale: Codice fiscale + Ricorso Scatto 0-2 + nome e cognome del ricorrente.

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Inserire nel plico la copia del bonifico effettuato.

Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

Il ricorrente dichiara di essere consapevole che l’adesione al ricorso non comporterà il rilascio di copia del ricorso che sarà, invece, consultabile presso una delle nostre Sedi.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

INVIARE I DOCUMENTI IN FORMA CARTACEA A MEZZO RACCOMANDATA A/R all’indirizzo: all’indirizzo: Avvocato Paolo Zinzi, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR).


COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI
Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola verranno pubblicati aggiornamenti e novità in merito al ricorso.

Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com inserendo come oggetto “Ricorso Scatto 0-2“.

Per assistenza tecnica o informazioni generali contattare via messaggio e/o telefonata Whatsapp il numero 350.5232808

​Avv. Antonio Rosario Bongarzone
Avv. Paolo Zinzi