Ricorso Mancata Valutazione Precedenza 104/92 Dirigenti Scolastici

errori graduatorie ricorso infanzia e primaria
ERRORI GRADUATORIE PUNTEGGI CONCORSO SCUOLA
18 Settembre 2019
Ricorso mancata immissione in ruolo vincitori concorso - Ricorsi Scuola
Ricorso mancata immissione in ruolo vincitori concorso
21 Agosto 2019
PRECEDENZA ASSUNZIONE Legge 104/92 DIRIGENTI SCOLASTICI - Ricorsi Scuola

Ricorso Mancata Valutazione Precedenza Assunzione Legge 104/92 Dirigenti Scolastici.

La precedenza per l’assistenza al familiare o genitore beneficiario della legge 104/92 non vale ai fini della scelta della sede per l’immissione in ruolo dei dirigenti scolastici. Gli effetti della decisione del Ministero determinano l’impossibilità per il neo DS che vanta il diritto all’assunzione, l’impossibilità di scegliere la sede di lavoro più vicina.

Lo studio Legale B&Z di RicorsiScuola.it ha attivato un ricorso per la tutela del diritto dei Dirigenti Scolastici all’immissione in ruolo sulla sede più vicina al fine di tutelare il diritto di assistenza al beneficiario delle cure affetto da grave handicap.

La condotta del Ministero dell’Istruzione, ancora una volta, sacrifica il diritto di assistere il proprio genitore o i familiari disabili: dopo i docenti (cui non viene concesso, nelle procedure di trasferimento il diritto alla precedenza > vedi ricorso punteggio paritarie e legge 104/92), stavolta tocca ai Dirigenti.

Il tema è direttamente connesso a quello delle rinunce da parte dei vincitori del concorso dirigente scolastico che vantano il diritto all’assunzione con scelta della sede.

Il Miur ha premesso che la rinuncia comporta l’esclusione dalla graduatoria e queste saranno gestite dai Direttori degli USR.

In seguito alla comunicazione delle rinunce da parte degli USR, il Ministero dell’Istruzione provvederà a riassegnare i candidati alle regioni dove si è creata disponibilità a seguito di rinunce: lo schema prevederà di ripercorrere l’ordine delle operazioni ma ripartendo dal primo non nominato.

Infatti il Dirigente Scolastico che si trova, a titolo esemplificativo, in Provincia di Napoli dove vive con il proprio genitore beneficiario dei requisiti di cui alla legge 104/92, e che è stato chiamato a prendere servizio su scuola nella Provincia di Milano sarà costretto a rinunciare all’immissione in ruolo nonostante che la legge 104/92 prescrive il diritto del familiare alla sede di lavoro più vicina, ove possibile.

La giurisprudenza, anche in tema di mobilità dei docenti, è stata sempre favorevole > leggi Vittoria docente torna ad insegnare vicino casa ed ha avuto una posizione di assoluto riguardo in favore dei docenti che prestavano assistenza nei confronti dei proprio familiari (infatti, soltanto tramite ricorso è possibile ottenere il trasferimento interprovinciale presso la sede più vicina alla propria residenza > vedi ricorso punteggio paritarie e legge 104/92).

Se sei un docente o personale Ata e vuoi approfondire il discorso leggi qui (Mobilità e trasferimenti e precedenze legge 104/92)

Che cosa bisogna fare per ottenere la sede più vicina?

Per i vincitori del concorso da Dirigente Scolastico che non hanno ottenuto la sede lavorativa più vicina è necessario proporre ricorso innanzi al Tribunale del Lavoro competente per territorio.
Saranno avanzati ricorsi singoli o collettivi qualora vi siano analoghe situazione anche in termini di competenza territoriale.

Su cosa si fonda il ricorso?

Il ricorso si fonda su precise disposizioni di legge che sanciscono il diritto dei lavoratori che assistono i propri familiari, beneficiari dei requisiti di cui alla l. 104/92, il diritto alla scelta della sede più vicina, ove possibile.

CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO? A CHI E’ RIVOLTO?

Il ricorso è rivolto a docenti che hanno superato il concorso da Dirigente Scolastico e assistono in maniera continuativa i familiari con precedenza di cui alla l. 104/92


TERMINI DI ADESIONE:

Le adesioni sono aperte.


QUANTO COSTA ADERIRE AL RICORSO?

Il costo dello stesso è pari ad euro 750,00 oltre Iva e cpa oltre il contributo unificato (euro 259,00) e, nel caso di vittoria ed esito positivo del giudizio, il ricorrente sarà tenuto a corrispondere allo studio la cifra di euro 1.000,00 (mille/00) oltre Iva e cpa.

Prima di avviare il ricorso sarà necessario, a mio avviso, inviare a mezzo pec o raccomandata a/r una richiesta di accesso agli atti di:

a) posti vacanti e disponibili nelle Regioni di prima scelta e limitrofe;

b) posti assegnati quali d.s. con relativo punteggio dei controinteressati;

c) copia degli indirizzi di residenza dei controinteressati individuati come tutti coloro che sarebbero pregiudicati dall’esito del giudizio

e diffidare il Ministero alla rivalutazione delle immissioni in ruolo in considerazione della mancata valutazione della precedenza derivante dai benefici di cui alla l. 104/92.


DOCUMENTI RICHIESTI PER ADERIRE AL RICORSO

Apri - STEP 1:
Scarica il seguente documento, stampa, compila e firma in ogni parte tutti i documenti presenti (Tipologia di ricorso, Informativa e consenso privacy, Scheda cliente; Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati).
Stampare e firmare in doppia copia e inserire nel plico da inviare a mezzo posta raccomandata A/R all’indirizzo Avv. Paolo Zinzi c/o Avv. Antonio Rosario Bongarzone, Via Siracusa, 5 Isola del Liri 03036(FR).

Apri - STEP 2:
​Inserisci, nel plico, anche i seguenti documenti:

  1. Copia documento di identità e del Codice Fiscale;
  2. Copia verbali 104/92;
  3. Dichiarazioni familiari impossibilità assistere familiare affetto da disabilità con copia carta identità;
  4. Certificato di famiglia e certificato di residenza del ricorrente e del beneficiario della l. 104/92;
  5. Nominativi ed indirizzi di residenza dei testimoni;
  6. Copia richiesta fruizione congedo per assistenza quale docente;
  7. Copia graduatorie, convocazioni, scelta sedi e altri documenti per immissione in ruolo;
  8. Copia certificato di servizio ultima sede di servizio;
  9. Copia (eventuale) del contratto quale D.S.;
  10. Copia diffida e accesso agli atti con relativa ricevuta di ritorno/prova consegna.


Apri - STEP 3:
In caso di reddito familiare inferiore a 34.107,72 euro e compilare il modello di esenzione del pagamento del contributo unificato (Scaricabile Qui) – Effettuare il bonifico di euro: 750,00 + IVA 22% + CASSA 4% per un totale di euro 801,60. Tale documento va compilato ed inserito nel plico da inviare a mezzo raccomandata unitamente alla copia del bonifico effettuato.
In caso di reddito familiare superiore ad euro 34.107,72, effettuare il bonifIco dell’importo complessivo di euro 801,60 oltre euro 259,00 per un totale complessivo di euro 1.060,602.

Il bonifico va effettuato alle coordinate Iban IT29P0760114800001042155349 Intestatario: B&Z Società tra avvocati s.r.l. – Conto BancoPosta n.: 001042155349
Causale: Codice Fiscale + Ricorso 104 Ds + Nome e Cognome del ricorrente.

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Inserire nel plico la copia del bonifico effettuato.

Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

Il ricorrente dichiara di essere consapevole che l’adesione al ricorso non comporterà il rilascio di copia del ricorso che sarà, invece, consultabile presso una delle nostre Sedi.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

INVIARE I DOCUMENTI IN FORMA CARTACEA A MEZZO RACCOMANDATA A/R all’indirizzo: Avvocato Paolo Zinzi, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR)


COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI
Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola verranno pubblicati aggiornamenti e novità in merito al ricorso.

Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com inserendo come oggetto “Ricorso Concorso 2016”.

​Avv. Antonio Rosario Bongarzone
Avv. Paolo Zinzi