RICORSO GRADUATORIE ATA SERVIZIO SCUOLE PARITARIE – GRADUATORIE 2021/2023

LEVA MILITARE PERSONALE ATA: RICORSO PUNTEGGIO
LEVA MILITARE PERSONALE ATA: RICORSO PUNTEGGIO
2 Febbraio 2021
RICORSO PROVE SUPPLETIVE COVID E CONCORSO STRAORDINARIO 2020 | Ricorsi Scuola
Ricorso Prove Suppletive Covid e Concorso Straordinario 2020
3 Novembre 2020
RICORSO GRADUATORIE ATA SERVIZIO SCUOLE PARITARIE - GRADUATORIE 2021/2023

Ricorso collettivo al Tar per ottenere il riconoscimento, in occasione dell’aggiornamento delle graduatorie di circolo e di Istituto del personale ATA, della parità tra servizio prestato nella scuola paritaria e quello prestato nella scuola statale.

Il Tar Lazio e il Consiglio di Stato hanno già stabilito che il dimezzamento del punteggio svolto presso le scuole paritarie è illegittimo.

Perché fare Ricorso? Motivi del Ricorso

Il ricorso ha come obiettivo l’accertamento del diritto ad ottenere, nelle graduatorie Ata, parità di punteggio tra servizio svolto quale Ata nelle scuole paritarie e nella scuola statale.
E’ illegittimo riconoscere il servizio nelle paritarie in maniera ridotta rispetto al servizio nella scuola statale
Il Tar Lazio, con recente decisione, anche richiamando i precedenti giurisprudenziali ha affermato che “non può pertanto non ribadirsi quanto già affermato in sede cautelare, ovverosia che “i provvedimenti gravati, e in particolare la nota n. 4 della tabella di valutazione dei titoli allegata all’O.M. n. 21 del 23.2.2009, nella parte in cui attribuiscono al servizio pre ruolo prestato presso scuole paritarie un punteggio pari alla metà di quello attribuito allo stesso servizio prestato, invece in scuole statali, appaiono illegittimi per violazione della l. n. 62 del 2000, della l. n. 107 del 2015, del d. m. n. 94 del 2016 e la inosservanza dei principi di parità di trattamento e divieto di ingiusta discriminazione (cfr. Cons. di Stato, Sez. VI, 7.3.2017, n. 953, Ord.).” (T.A.R. Lazio – Roma, Sez. III Bis, 23 maggio 2018 n. 3052, Ord.)
Anche il Consiglio di Stato, con sentenza n. 1102/2002, ha affermato che “la parificazione dei servizi costituisce logico corollario di una parificazione degli istituti privati a quelli pubblici …”.
Ed infatti la L. n. 62/2000 ha stabilito la piena parità scolastica tra scuola statale e scuola non statale riconoscendo che le scuole private “svolgono un servizio pubblico” e costituiscono, insieme alle scuole statali il sistema nazionale di istruzione pubblica.
Dunque, in caso di esito positivo del giudizio, il ricorrente otterrà, per ciascun mese di servizio prestato nella scuola paritaria, lo stesso punteggio spettante come se avesse prestato servizio nella scuola statale!
Siamo da anni impegnati sul fronte scuole paritarie e riteniamo ingiusto e discriminatorio che il Ministero tratti come precari di serie B coloro che hanno svolto servizio presso la scuola paritaria!
Per vedere di più sulle altre iniziative che abbiamo portato a termine, cerca Paritarie

Che tipo di Ricorso verrà attivato?

Lo studio legale proporrà ricorsi innanzi al Tar competente.

Chi può aderire al Ricorso? A chi è rivolto?

Possono aderire tutti coloro che siano in possesso di servizio presso la scuola paritaria in uno dei profili ATA: Assistente Amministrativo, Collaboratore scolastico, Infermieri, Cuochi, Guardarobieri.


TERMINI DI ADESIONE:

Il termine per l’adesione scade il 25.04.2021

N.B. Il mancato invio di tutta la documentazione in formato cartaceo determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.


QUANTO COSTA ADERIRE AL RICORSO?

Il costo del ricorso è pari ad euro 150,00, per il ricorso al Tar con esclusioni di eventuali motivi aggiunti.

Ricordiamo che ai ricorsi possono partecipare gratuitamente tutti coloro che hanno un reddito inferiore ad euro 11.493,82 (leggi di più sul Patrocinio a spese dello Stato)


DOCUMENTI RICHIESTI PER ADERIRE AL RICORSO

Apri - STEP 1:
Scarica il seguente documento, stampa, compila e firma in ogni parte tutti i documenti presenti (Tipologia di ricorso, Informativa e consenso privacy, Scheda cliente; Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati).
Stampare e firmare in doppia copia e inserire nel plico da inviare a mezzo posta raccomandata A/R all’indirizzo B&Z Società tra avvocati s.r.l., Via Siracusa, 5 – Isola del Liri – 03036(FR).

N.B. Il mancato invio di tutta la documentazione in formato cartaceo determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.?
Non è possibile l’invio della documentazione a mezzo Pec in quanto lo studio ha bisogno dei documenti firmati in originale: le Pec ricevute verranno automaticamente cestinate.

Apri - STEP 2:
​Inserisci, nel plico, anche i seguenti documenti:

  • Copia documenti di identità e codice fiscale;
  • Copia domanda partecipazione concorso;Certificato di servizio;
  • Copia domanda inserimento G.I. Ata 2021/2023 (la domanda andrà inviata successivamente all’apertura dei termini previsti dal Ministero)
  • Copia diffida richiesta valutazione servizio scuola paritaria per intero munita della ricevuta di consegna della Pec o della raccomandata (N.B.: la diffida dovrà essere inviata dal ricorrente via pec, ovvero via raccomanda a/r ed il ricorrente dovrà inviare allo studio una copia della diffida inviata e della ricevuta di invio e di consegna della Pec o della Raccomandata).
  • Copia del bonifico effettuato.
Apri - STEP 3:
Inserisci nel plico la copia del contratto di compenso scritto.
Il bonifico va effettuato alle coordinate Iban IT29P0760114800001042155349 Intestatario: B&Z Società tra avvocati s.r.l. – Conto BancoPosta n.: 001042155349 Causale: Codice Fiscale + GRADUATORIE ATA SERVIZIO SCUOLE PARITARIE + Nome e Cognome del ricorrente (il pagamento NON dovrà essere effettuato per coloro che beneficiano

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Inserire nel plico la copia del bonifico effettuato.

Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

Il ricorrente dichiara di essere consapevole che l’adesione al ricorso non comporterà il rilascio di copia del ricorso che sarà, invece, consultabile presso una delle nostre Sedi.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

INVIARE I DOCUMENTI IN FORMA CARTACEA A MEZZO RACCOMANDATA A/R all’indirizzo: all’indirizzo: Avvocato Paolo Zinzi, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR).

IMPORTANTE: PER COLORO CHE AGISCONO CON IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO BISOGNA SEGUIRE LE SEGUENTI ISTRUZIONI:

A) Inviare una email all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com con oggetto: Patrocinio a spese dello Stato, avendo cura di indicare

  1. la tipologia di ricorso cui si vuole aderire;
  2. Indicare l’attuale sede di servizio presso una scuola statale, ovvero l’ultima sede di servizio presso una scuola statale. Nel caso in cui il ricorrente non abbia mai prestato servizio presso una scuola statale, indicare la provincia ove lo stesso risulta inserito in gradautorie;
  3. allegare i documenti scaricabile al seguente link > Modulo per Gratuito Patrocinio | Modulo di Esenzione via email;

B) Successivamente lo studio provvederà ad inviare tutta la modulistica per aderire al ricorso con il gratuito patrocinio che andrà necessariamente inviata in duplice originale a mezzo posta unitamente alla modulistica richiesta per l’adesione al ricorso.

C) Ricordiamo che “per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a € 11.493,82 (d.m. 16 gennaio 2018 in GU n. 49 del 28 febbraio 2018). Se l’interessato convive con il coniuge, l’unito civilmente o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante.” (fonte: Ministero della Giustizia)

NB: Il reddito da prendere in considerazione è quello ai fini IRPEF (solo CUD e 730) Non vale la dichiarazione ISEE

COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI

Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola verranno pubblicati aggiornamenti e novità in merito al ricorso.


Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com inserendo come oggetto “GRADUATORIE ATA SERVIZIO SCUOLE PARITARIE” oppure contattare il numero 07761828062.

Per assistenza tecnica o informazioni generali contattare via messaggio e/o telefonata Whatsapp il numero 350.5232808

​Avv. Antonio Rosario Bongarzone
Avv. Paolo Zinzi