CASSAZIONE: SI’ ALLA RICOSTRUZIONE CARRIERA INTEGRALE

Punteggio errato nelle graduatorie vittorie al Tar
Vittorie al Tar: Punteggio errato nelle Graduatorie
27 Novembre 2019
CASSAZIONE: SI' ALLA RICOSTRUZIONE CARRIERA INTEGRALE

Spetta ai docenti ed al personale Ata l’integrale valutazione, ai fini della ricostruzioe della carriera, di tutto il periodo svolto prima dell’immissione in ruolo.

La Corte di Cassazione non ha dubbi: è illegittimo ed ingiustificato il trattamento che il ministero dell’istruzione riserva ai docenti precari, poi immessi ruolo, nella parte in cui riconosce soltanto parzialmente il servizio pre ruolo prestato con la reiterata stipula di contratti a tempo determinato.
La Suprema Corte, con sentenza depositata il 28 novembre 2019 ha definitivamente ribadito il diritto del personale docente e ata all’integrale ricostruzione della carriera con il riconoscimento dell’intero servizio pre-ruolo.

Sono quindi riaperte le adesione al ricorso: Ricorso per la Ricostruzione di Carriera

Lo studio legale Bongarzone e Zinzi aveva ottenuto, dopo la sentenza della corte di giustizia dell’unione europea Motter del 20 settembre
2019, la prima sentenza che ha riconosciuto di integrale ricostruzione della carriera in favore di una docente che aveva svolto, precedentemente all’immissione in ruolo
con contratto a tempo indeterminato, servizio di precariato sia nella scuola paritaria che in quella statale.

La nostra tesi è stata accolta in pieno anche dalla Corte di Cassazione che, con due distinte sentenze, ha riconosciuto il diritto al riconoscimento integrale della carriera sia in favore dei docenti sia in favore del personale Ata.

Chi sono le categorie coinvolte che hanno subito una illegittima decurtazione stipendiale?

Possono aderire al ricorso per richiedere il integrale riconoscimento del servizio svolto quale docente o personale Ata precario, tutti coloro che hanno un contratto a tempo indeterminato con il ministero dell’istruzione e che abbiano svolto, precedentemente all’immissione in ruolo almeno cinque anni di precariato nella scuola statale.
Possono altresì avere il ricorso tutti coloro che abbiano svolto almeno un anno di servizio nella scuola paritaria. Infatti, il Ministero dell’Istruzione riconosce soltanto parzialmente il servizio di precariato e segnatamente i primi quattro anni nella misura integrale i successivi 2/3 ai fini giuridici mentre ai fini economici spetta al docente soltanto 1/3.
Tale condotta è certamente illegittima: la Cassazione dunque ha confermato che vanno disapplicate tutti te le normative che contrastano con il mancato riconoscimento integrale del servizio pre ruolo attribuendo ai docenti ed al personale ata il diritto alla valutazione per intero di tutto il servizio di precariato.

Ricordiamo che abbiamo sempre sostenuto il diritto al riconoscimento integrale del servizio di precariato in quanto è assolutamente illegittimo considerare in maniera differenziata il servizio svolto quale docente precario e quale docente assunto con contratto a tempo
indeterminato.

Sono aperte nuovamente le adesioni al ricorso ricostruzione della carriera all’iter che segue: Ricorso per la Ricostruzione di Carriera
Avv. Paolo Zinzi

Lascia un commento