Abilitati Estero – TAR – Fase Transitoria

scuola ricorsi afam seconda fascia giudice del lavoro
RICORSO GAE PORDENONE ITP, AFAM, A66
2 Febbraio 2018
ISEF, ITP, AFAM – PARTECIPA COME ABILITATO AL CONCORSO 2018
1 Gennaio 2018
ricorso scuola CONCORSO FIT CLASSE A-66 ex A-75 e A-76

Ricorso fase transitoria 2018 – Abilitati all’estero

LE ADESIONI AL RICORSO SONO APERTE!

IMPORTANTE: IN VIA PRECAUZIONALE E’ NECESSARIO INVIARE LA DOMANDA PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO, IN FORMA CARTACEA, ALL’UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DOVE IL RICORRENTE, IN CASO DI ESITO POSITIVO, INTENDE PARTECIPARE AL CONCORSO RISERVATO AGLI ABILITATI.

LA DOMANDA E’ SCARICABILE IN WORD O IN PDF.

MOTIVI DEL RICORSO:

I nuovi concorsi Scuola saranno articolati in diverse fasi. La prima di queste, disciplinata dal D.Lgs 59/2017 è la cd. “fase transitoria” quella, cioè, riservata ai docenti in possesso di titolo di “abilitazione” e che andrà a formare  una nuova graduatoria regionale di merito degli abilitati cui si potrà accedere all’esito del superamento dello specifico concorso che prevede solo una prova orale, di natura didattico-metodologica, senza sbarramento.

Chi potrà partecipare alla fase transitoria? Tra le altre categorie, il Ministero ha previsto la possibilità di partecipare, con riserva, agli abilitati all’estero che abbiano conseguito il titolo entro il 31.05.2017.

Cosa chiediamo al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio.
Cosa puoi ottenere partecipando al ricorso?
Lo studio legale Bongarzone-Zinzi chiederà al Tar del Lazio, in applicazione delle Direttive Europee e delle normative comunitarie, di accertare il diritto dei ricorrenti abilitati all’estero che abbiano presentato la domanda di riconoscimento del titolo all’estro al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Si precisa che la probabilità di accoglimento del ricorso è maggiore qualora, dal termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso siano trascorsi più di 120 giorni rispetto alla presentazione della domanda di riconoscimento, completa, al Miur.

TIPOLOGIE DI RICORSO:

Ricorso innanzi al TAR del Lazio, per l’impugnazione del bando di concorso relativo alla fase transitoria del concorso a cattedra 2018. ​

 

CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO?

Possono aderire al ricorso tutti coloro che siano in possesso di titolo di Abilitazione conseguito all’estero che presenteranno la domanda di riconoscimento alla Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici (Miur Italiano) entro e non oltre la data per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla procedura concorsuale.
Si precisa che lo studio offre ai ricorrenti la possibilità di adire il Tribunale di Pordenone per gli abilitati all’estero ma non senza rilievi critici per coloro che non hanno presentato domanda di riconoscimento in Italia nei 4 mesi precedenti alla scadenza del termine per la presentazione delle domande di concorso.
Possono partecipare anche tutti coloro che hanno un giudizio in corso innanzi al Tar Lazio o che hanno aderito ai ricorsi al Tar per la fase transitoria o per la seconda fascia.

 

COSTI DI ADESIONE:

Ricorso innanzi al TAR del Lazio avverso il decreto che dispone le modalità di reclutamento del personale docente nella fase transitoria. L’adesione al ricorso ha un costo di euro 150,00 complessivi.

TERMINI PER ADERIRE:

Si può aderire al ricorso entro e non oltre il 28.02.2018 (data entro la quale la documentazione dovrà essere ricevuta dallo Studio Legale)

I DOCUMENTI RICHIESTI:

Per poter aderire al ricorso è necessario inviare sia in formato cartaceo che in formato .pdf con ciascun documento contenuto in un file .pdf separato, i seguenti documenti:

1.     Informativa e consenso privacy (scaricabile qui);

2.     Copia documento di identità e del Codice Fiscale;

3.     Scheda cliente (scaricabile qui);

4.      A) certificato traduzione e legalizzazione con originale rumeno tradotto e legalizzato del primo e secondo livello (foglio con crediti e voti);

B) Adeverenta finale, una pagina sola, riportante i 60 cfu tradotto e legalizzato;

C) domanda riconoscimento spedita al Miur italiano con relativa data di ricezione e/o copia raccomandata a/r con timbro;

5.     Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati, scaricabile qui). Stampare e firmare in doppia copia.

6.      Dichiarazione classi di concorso (scaricabile qui);

7.      Effettuare il pagamento di 150,00 euro (al momento dell’attivazione della fase di adesione del    ricorso e dunque dopo l’emanazione del bando di concorso) alle coordinate IBAN IT68D0760114800001030613499 – Intestatario: Paolo Zinzi – Causale: Ricorso Abilitati estero Tar 8.     Copia del bonifico effettuato;​​​​

Tale documentazione dovrà essere inviata:

·         inderogabilmente in formato cartaceo entro i termini sopra indicati(a mezzo Raccomandata 1 Urgente in caso di spedizione del plico pochi giorni prima della scadenza) al seguente indirizzo : Avvocato Paolo Zinzi c/o Studio Legale Avv. Antonio Rosario Bongarzone, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR).

Il mancato invio di tutta la documentazione a mezzo email e a mezzo posta ordinaria, determina l’impossibilità di procedere. Lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.​

​​

Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola e sul portale www.ricorsiscuola.it  verranno inseriti aggiornamenti importanti riguardanti il ricorso: in particolare, appena verrà bandito il concorso riservato agli abilitati, a tutti gli aderenti al ricorso sarà richiesto di inviare in formato cartaceo la domanda di partecipazione al concorso il cui fac-simile sarà scaricabile (dopo l’uscita del bando) direttamente da questa pagina!

Ciascun ricorrente dovrà conservare copia della domanda e copia della raccomandata a/r ed inviarla a mezzo posta elettronica in formato .pdf all’indirizzo ricorsosostegno2018@gmail.com .

Avv. Antonio Rosario Bongarzone

Avv. Paolo Zinzi