RICORSO GAE DOTTORATO DI RICERCA

RICORSO EDUCATORI CONVITTI IN SECONDA FASCIA PRIMARIA
RICORSO EDUCATORI CONVITTI IN 2° FASCIA PRIMARIA
4 Gennaio 2019
RICORSO CONCORSO INFANZIA PRIMARIA 2018
RICORSO CONCORSO INFANZIA PRIMARIA 2018
29 Ottobre 2018
ricorso per l’inserimento in seconda fascia

Il dottorato di ricerca svolto in discipline affini alla laurea conseguita è da ritenersi abilitante all’insegnamento, nonostante non sia stata consentita la partecipazione al concorso riservato ai dottori di ricerca. Per tale motivo chiederemo l’inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento, unico canale rimasto per l’ingresso in ruolo agevolato.

Lo studio legale ha avviato un ricorso specifico volto alla tutela dei docenti in possesso di dottorato di ricerca in discipline affini alla laurea conseguita.
Successivamente alla legge 107/2015 cd. “Buona Scuola”, il Ministero ha ridisegnato completamente gli accessi ai concorsi ed alle procedure abilitative: in tale riforma non solo non è stato semplificato l’accesso all’insegnamento per i dottori di ricerca, ma nemmeno è stato consentito l’inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento.

MOTIVI DEL RICORSO. PERCHE’ FARE RICORSO?

Il ricorso ha come obiettivo:

  • a) L’accertamento del valore abilitante del dottorato di ricerca in discipline affini alla laurea conseguita;
  • b) L’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento della Provincia di Pordenone.

L’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento consentirà di essere assunti, senza il vaglio ulteriore di prove concorsuali, secondo i contingenti annuali stabiliti dal Ministero.
Verrà inoltre richiesta una prima misura d’urgenza, che potrebbe consentire la pronuncia del Giudice nel giro di pochi mesi.


CHE TIPO DI RICORSO VERRA’ ATTIVATO?

Lo studio legale proporrà un ricorso collettivo innanzi al Tribunale del lavoro di Pordenone.


CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO? A CHI E’ RIVOLTO?

Il ricorso è rivolto a docenti:

  • Che possiedono una laurea che consenta l’ingresso in una o più classi di concorso ai sensi del D.P.R. 19/2016;
  • che possiedono un dottorato di ricerca affine alla laurea conseguita.

Importante: in assenza di tabelle esplicitamente emanate dal MIUR, è necessario valutare la possibile affinità tra la laurea e dottorato di ricerca. Per questo motivo è necessario inviare una e-mail a ricorsiscuola.info@gmail.com. L’ipotesi di affinità è svolta secondo criteri stabiliti dallo studio legale, pertanto soggetta a vaglio giurisdizionale, e verrà svolta a titolo gratuito. Solo in caso di esito positivo sarà possibile aderire al ricorso.


TERMINI DI ADESIONE:

LE ADESIONI SONO APERTE.


QUANTO COSTA ADERIRE AL RICORSO?

L’adesione al ricorso ha un costo di euro 200,00.


DOCUMENTI RICHIESTI PER ADESIONE RICORSO GAE DOTTORATO DI RICERCA

STEP 1:
Scarica il seguente documento, stampa, compila e firma in ogni parte tutti i documenti presenti (Tipologia di ricorso, Informativa e consenso privacy, Scheda cliente; Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati).
Stampare e firmare in doppia copia e inserire nel plico da inviare a mezzo posta raccomandata A/R all’indirizzo Avv. Paolo Zinzi c/o Avv. Antonio Rosario Bongarzone, Via Siracusa, 5 – Isola del Liri – 03036(FR).

STEP 2:
​Inserisci, nel plico, anche i seguenti documenti:

  1. Copia contratti a tempo determinato stipulati con il Ministero dell’Istruzione;
  2. Certificato di servizio dal quale risulti lo svolgimento di almeno 180 giorni per ciascun anno per almeno tre anni scolastici.
  3. Copia documento di identità e del Codice Fiscale.


STEP 3:
In caso di reddito familiare inferiore a 34.107,72 euro e compilare il modello di esenzione del pagamento del contributo unificato (scaricabile qui – link https://www.ricorsiscuola.it/doc/ricorsi/AFAM-GIUDICE-DEL-LAVORO-CONTRIBUTO_UNIFICATO.pdf) – non bisogna anticipare allo studio legale alcuna somma. Tale documento va compilato in duplice copia ed inserito nel plico da inviare a mezzo raccomandata unitamente alla copia del bonifico effettuato.
In caso di reddito familiare superiore ad euro 34.8107,72, effettuare il bonifco dell’importo pari al contributo unificato.

Il bonifico va effettuato alle coordinate iban IT 98 B 07601 14800 000075976936 —– Intestatario: AVV BONGARZONE ANTONIO ROSARIO Conto BancoPosta n.: 75976936 ——— Causale: Codice Fiscale + Ricorso Mobilità Giudice Lavoro + Nome e Cognome del ricorrente.
COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI
Inserire nel plico la copia del bonifico effettuato.

Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

INVIARE I DOCUMENTI IN FORMA CARTACEA A MEZZO RACCOMANDATA A/R all’indirizzo: Avvocato Paolo Zinzi c/o Studio Legale Avv. Antonio Rosario Bongarzone, Via Siracusa, 5 – 03036 – Isola del Liri (FR)

SIA IN MODALITA’ TELEMATICA MEDIANTE INVIIO A MEZZO POSTA ELETTRONICA AL SEGUENTE INDIRIZZO ricorsiscuola.info@gmail.com AVENDO CURA DI SCANSIONARE CIASCUN DOCUMENTO RICHIESTO IN UN FILE .PDF SEPARATO (Es. Scaricare il documento ”Informativa Privacy”, stamparlo e scansionarlo e creare un file .pdf chiamato ad esempio “Informativa Privacy.pdf”).


COMPILA IL FORM CON I TUOI DATI
Ti segnaliamo che sulla nostra pagina Facebook Ricorsiscuola verranno pubblicati aggiornamenti e novità in merito al ricorso.

N.B. Il mancato invio di tutta la documentazione determina l’impossibilità di procedere al ricorso e lo studio legale è sollevato da qualsiasi responsabilità in caso di mancato invio della documentazione nei termini richiesti.​
In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.



​Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com

​Avv. Antonio Rosario Bongarzone
Avv. Paolo Zinzi