MOBILITA’ SCUOLA DOCENTI

Specializzati – Fase transitoria
1 Gennaio 2018
ricorso ricostruzione della carriera preruolo docenti diritti
RICOSTRUZIONE CARRIERA PRERUOLO
21 Dicembre 2017

Sei un docente che è stato trasferito lontano dalla propria casa, dalla propria famiglia, dai propri figli? Vuoi verificare se hai possibilità di tornare quanto più possibile vicino casa?

Mobilità scuola docenti

Sei un docente che è stato trasferito lontano dalla propria casa, dalla propria famiglia, dai propri figli?

Vuoi verificare se hai possibilità di tornare quanto più possibile vicino casa?

Gli ambiti territoriali che ti sono stati assegnati sono distanti rispetto a quelli scelti?

Cerchi un avvocato esperto in diritto scolastico?

La procedura di mobilità 2016, prevista dal piano straordinario di cui alla legge 107/2015, è stata dichiarata illegittima.

Verifica se sei nelle condizioni di fare ricorso per riavvicinarti a casa!

 

TIPOLOGIE DI RICORSO:

Ricorso individuale al Giudice del lavoro avverso le procedure di mobilità scuola disposte dal Ministero dell’Istruzione.

Il ricorso prevede gratuitamente anche il riconoscimento, ai fini delle procedure di trasferimento, del servizio prestato presso le scuole paritarie.

Se sei interessato anche al ricorso per ottenere il riconoscimento del servizio pre-ruolo prestato negli istituti paritari ai fini della ricostruzione di carriera, clicca qui.

Ti ricordiamo che puoi aderire anche al ricorso per la ricostruzione integrale della carriera relativamente al servizio pre-ruolo prestato presso istituti scolastico cliccando qui: il punteggio che il Ministero riconosce, anche ai fini delle graduatorie interne è più basso rispetto a quello che ti spetta e rischi di diventare perdente posto (se riusciamo fare articolo su cosa significa perdente posto).

 

CHI PUO’ ADERIRE AL RICORSO:

Possono aderire al ricorso tutti coloro abbiano presentato domanda di mobilità interprovinciale 2016/2017 e 2017/2018 che siano trasferiti presso ambiti territoriali distanti rispetto alle scelte indicate nella domanda di mobilità.

COSTI DI ADESIONE:

L’adesione al ricorso ha un costo di € 500,00 da corrispondere prima del deposito del ricorso, oltre il costo del contributo unificato.

Il contributo unificato non è dovuto nel caso in cui il ricorrente e i propri familiari conviventi, nell’anno scolastico precedente al deposito del ricorso, non abbiano superato un reddito complessivo di € 34.107,72.

Solo in caso di esito positivo del ricorso il docente corrisponderà ai legali l’ulteriore somma di € 1.000,00. Il procuratore avrà diritto al rimborso delle spese legali, eventualmente liquidate dal Tribunale nei confronti del Ministero dell’Istruzione.

– Modalità di pagamento:

Effettuare il pagamento di € 500,00 (oltre alle spese per il contributo unificato, qualora dovuto) alle coordinate:

IBAN IT68D0760114800001030613499

Intestatario: Avvocato Paolo Zinzi

Causale: Ricorso Mobilità 2016 + Cognome ricorrente.

I MOTIVI DEL RICORSO:

Il ricorso ha quale obiettivo quello di far dichiarare l’illegittimità del trasferimento disposto dal Ministero dell’Istruzione e di far tornare il docente vicino casa.

DOCUMENTAZIONE:

Per poter aderire al ricorso è necessario inviare la seguente documentazione allo studio legale:

  1. Informativa e consenso privacy (scaricabile qui);
  2. Copia del documento di identità e del Codice Fiscale;
  3. Scheda cliente (scaricabile qui);
  4. Copia della domanda di mobilità 2016/2017;
  5. Copia della domanda utilizzazione e assegnazione provvisoria a.s. 2016/2017;
  6. Copia della domanda di mobilità 2017/2018;
  7. Copia della domanda utilizzazione e assegnazione provvisoria a.s. 2017/2018;
  8. Procura alle liti (ossia la delega agli avvocati, scaricabile qui). Stampare e firmare in doppia copia.
  9. In caso di reddito familiare inferiore a € 34.107,72, nell’anno 2016, compilare il modello di esenzione del pagamento del contributo unificato (scaricabile qui);
  10. Effettuare il pagamento di € 500,00 (oltre ad € 259,00 a titolo di contributo unificato ove il reddito risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi 2016 del ricorrente sia inferiore ad € 34.107,72 ) coordinate IBAN IT68D0760114800001030613499 – Intestatario: Paolo Zinzi – Causale: Ricorso mobilità scuola + Cognome ricorrente;
  11. Copia del bonifico effettuato;
  12. Contratto di determinazione del compenso scritto (sarà inviato al docente a mezzo e-mail successivamente all’invio della documentazione richiesta ai punti precedenti).

Tale documentazione dovrà essere inviata:

  • inderogabilmente, in formato digitale all’indirizzo e-mail ricorsiscuola.info@gmail.com;
  • in formato cartaceo a: Avv. Paolo Zinzi c/o Studio Legale Avv. Bongarzone Antonio Rosario – Via Siracusa, 5 – 03036 Isola del Liri (FR).

 

Il mancato invio di tutta la documentazione a mezzo e-mail (all’indirizzo e-mail sopra indicato) determina l’impossibilità a procedere.

In caso di esito negativo del ricorso, il Tribunale potrebbe condannare il ricorrente alla refusione delle spese legali nei confronti del MIUR: in altre circostanze, in caso di rigetto, le spese sono state compensate visti i precedenti giurisprudenziali favorevoli, ma non è possibile a priori escludere tale eventualità.

Per ulteriori informazioni, si prega di inviare una e-mail all’indirizzo ricorsiscuola.info@gmail.com .

Avv. Antonio Rosario Bongarzone

Avv. Paolo Zinzi

Dott. Christian Ferrari